A Napule regnava Ferdinando
Ca passava e’ jurnate zompettiando;
Mentr’ invece a’ mugliera, ‘Onna Teresa,
Steva sempe arraggiata. A’ faccia appesa
O’ musso luongo, nun redeva maje,
Comm’avess passate tanta guaje.
Nù bellu juorno Amelia, a’ cammeriera
Le dicette: “Maestà, chest’è a’ Pastiera.
Piace e’ femmene, all’uommene e e’creature:
Uova, ricotta, grano, e acqua re ciure,
‘Mpastata insieme o’ zucchero e a’ farina
A può purtà nnanz o’Rre: e pur’ a Rigina”.
Maria Teresa facett a’ faccia brutta:
Mastecanno, riceva: “È o’Paraviso!"
E le scappava pure o’ pizz’a riso.
Allora o’ Rre dicette: “E che marina!
Pe fa ridere a tte, ce vò a Pastiera?
Moglie mia, vien’accà, damme n’abbraccio!
Chistu dolce te piace? E mò c’o saccio
Ordino al cuoco che, a partir d’adesso,
Stà Pastiera la faccia un po’ più spesso.
Nun solo a Pasca, che altrimenti è un danno;
pe te fà ridere adda passà n’at’ anno!” 

A Napoli regnava Ferdinando,
il quale passava le giornate zompettiando*
mentre invece la moglie, Donna Teresa,
era sempre arrabbiata. Faccia triste (“senza espressione”, “appesa” appunto),
muso lungo, non rideva mai,
come se avesse passato tanti guai.
Un bel giorno Amelia, la cameriera
le disse: “Maestà, questa è la Pastiera,
piace alle donne, agli uomini e a tutte le creature,
uova, ricotta, grano e acqua di fiori,
impastata insieme allo zucchero e farina
la puoi portare davanti al Re: e pure alla Regina”.
Maria Teresa rispose con una brutta faccia (non convinta):
masticando diceva: “È il Paradiso!”.
E le scappò un mezzo sorriso.
Allora il re disse: “E che marina!
Per farti ridere ci vuole la Pastiera?
Moglie mia, vieni qua, abbracciami!
Questo dolce ti piace? Adesso che lo so
ordino al cuoco che, d’ora in poi, 
faccia un po’ più spesso questa Pastiera.
Non solo a Pasqua, altrimenti è un danno;
per farti ridere deve passare un altro anno!”.