Era il 1845, quando su richiesta di Re Ferdinando, l’architetto Gaetano Genovese inaugurava la “Sedia Volante” nella Reggia di Caserta, primo vero ascensore, prima del più noto americano Elisha Graves Otis.

L’articolato meccanismo presente all’interno della Reggia di Caserta, però, non fu il primo nel suo genere, infatti nel 1843 un primo ascensore era stato costruito nel Palazzo Reale di Napoli sull’esempio del montacarichi già presente nella Reggia di Carditello, chiamato “Tavola Meccanica”.

La Tavola di Carditello, nel 1845, in concomitanza all’inaugurazione della “Sedia Volante” casertana, fu trasformata da montacarichi in ascensore.