Reggia di Caserta

… Nel 1751 i suoi progetti per Caserta furono pronti. Consistevano in sedici incisioni che includevano non soltanto il palazzo ed i giardini, ma anche una carta topografica della nuova città che doveva sorgere lì vicino e delle strade adiacenti. Il Palazzo, colla sua immensa mole quadrata, versione settecentesca dell’Escuriale, dominava tutto il paesaggio. Per sé e per la Regina, Carlo desiderava stanze estive ed invernali, grandi saloni per pubbliche cerimonie, belvederi, gallerie, una biblioteca, perfino un teatro con camerini per gli attori, un osservatorio astronomico, una segreteria reale, e centotrentasei camere oltre a quelle degli addetti di a Corte… Il suo perimetro venne segnato da diversi reggimenti di fanteria e squadroni di cavalleria; ad ogni angolo furono piazzati due cannoni, con i loro artiglieri, e al centro di quest’area fu innalzato un superbo padiglione. Colla pietra inaugurale, il Re e La Regina posero alcune medaglie d’oro e d’argento con  i loro ritratti, e una veduta del Palazzo con l’inscrizione Deliciae Regis, Felicitas Populi…     

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                ( Sir Harold Mario Acton)  

Come arrivare:

A)      a piedi dalla stazione di Caserta     

B)      con la  macchina dall’uscita dell’autostrada A1 Caserta Nord  

C)      Parcheggio comunale seminterrato in Piazza Carlo III (nei pressi della Stazione)

  

Descrizione immagine